Daniele Ciullini lo stregone è tornato dagli anni ’80

Daniele Ciullini lo stregone è tornato dagli anni ’80

Agitatore culturale, musicista creativo: ora esce un disco di sperimentazione elettronica. IL SUO nome è legato agli anni Ottanta della sperimentazione elettronica radicale. Anni pionieristici, in cui gli input che arrivano da Inghilterra e Germania (Throbbing Gristle e Tangerine Dream in testa) venivano filtrati da un sentire tutto italiano: di questo movimento, che fermava le proprie idee su cassette dalla circolazione «clandestina», il fiorentino Daniele Ciullini fu raffinatissimo agitatore, così come parte attiva del progetto Trax, inventato da Vittore Baroni, una «rete» ante litteram di artisti e musicisti (oltre 500, di nazionalità diverse) che lavorarono su opere «condivise» e liberamente circolanti. Dopo anni di silenzio, Ciullini torna alla musica con un lavoro discografico che dimostra quanto la voglia di ricerca non si sia mai sopita. Virus (si può ascoltare sul sito dell’etichetta Stato elettrico, www.statoelettrico.net) è una «suite» di quattro pezzi giocati su una statica cupezza ambient, su paesaggi sonori dark galleggianti in una liquido amniotico denso di suspanse, mistero, tensione sottopelle, a Nervi tesi, comerecitailtitolo della prima traccia. Bentornato.

RELEASE PAGE

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/03/04/daniele-ciullini-lo-stregone-e-tornato-dagli-anni-80Firenze11.html

 

7 settembre 2015 Blog ,

I commenti sono chiusi.